top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreDott.ssa Marta Falaguasta

Finita l'estate, riconcia la scuola!

E’ quasi arrivato il momento di tornare sui banchi di scuola: famiglie, insegnanti ma soprattutto bambini e ragazzi sono coinvolti negli ultimi preparativi prima della partenza!

Si riparte e il percorso sarà lungo e denso di emozioni di varia natura che accompagneranno noi e i nostri figli per un intero anno scolastico.

Cosa mettere in valigia per questo particolare e avventuroso viaggio?

Tutto.

Dopo le lunghe vacanze estive, è importante riprendere la quotidianità sperimentando tutte le emozioni che proviamo a trecentosessantagradi ed è fondamentale condividere tutto questo in famiglia.

La scuola occupa un posto di rilievo nella vita delle famiglie in quanto è un luogo dove si riversano tante e grandi aspettative e dove inevitabilmente ci sono anche ansie e timori.

Oltre ai libri, quaderni e vario materiale scolastico quindi dentro quegli zaini i nostri figli portano anche tutte le loro emozioni che, se adeguatamente contenute e comprese, potranno essere considerate positive ed arricchenti ed essere un buono stimolo per ripartire.

Per aiutare i nostri figli ad affrontare con serenità il rientro a scuola è necessario star loro vicini e partecipare attivamente ai vari preparativi prima del “suono della campanella” non dimenticando mai che siamo stati bambini e ragazzi anche noi ed abbiamo quindi provato, magari con modalità diverse, le loro stesse emozioni e vissuto i loro stessi stati d’animo.

Condividiamo quindi i loro pensieri e le loro emozioni cogliendo l’opportunità di dialogo effettuando ad esempio insieme l’acquisto del materiale scolastico ma soprattutto raccontando loro con atteggiamento empatico che quelle stesse ansie, paure e perplessità le abbiamo provate anche noi quando avevamo la loro età. In questo modo ci sentiranno più vicini al loro mondo e con molta probabilità questo faciliterà la ripresa del loro percorso scolastico.

Se ci troviamo di fronte a bambini e ragazzi particolarmente riservati impariamo ad osservarli e a sentire i loro vissuti senza mai diventare invandenti…apprezzeranno questo atteggiamento e con i loro modi e tempi prima o poi sentiranno il nostro reale interesse per quello che provano e cosi ci renderanno partecipi dei loro pensieri.

In alcuni casi l’ansia e le preoccupazioni in generale possono, specie nei bambini più piccoli, manifestarsi con particolari sintomi quali difficoltà nel dormire, incubi o disturbi comportamentali di vario genere. I bambini possono diventare irrequieti e chiedere continue attenzioni da parte dei genitori.

Se questi comportamenti persistono anche dopo l’inizio della scuola, è preferibile confrontarsi con le insegnanti e consultare un esperto.

Il rientro nella comunità scolastica racchiude in sè anche aspetti positivi quali la gioia di ritrovarsi con i compagni, la possibilità di conoscerne di nuovi e la curiosità di sperimentarsi in quello che sarà un nuovo percorso formativo.

Trasmettiamo quindi loro quella giusta dose di entusiasmo che questa esperienza deve avere…la scuola in fondo è un meraviglioso luogo dove si imparano tante cose, si incontrano tante e diverse persone, in cui si cresce… dove si entra piccoli e si esce grandi!

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Le domande dei bambini e le risposte dei grandi

Perché... perché... perché..? Quante domande ci fanno i nostri bambini quando cominciano a ragionare, curiosare e a vedere tutto quello che accade intorno a loro. Intorno all’età dei tre anni, quando

I compiti per le vacanze.

L’estate volge verso la fine e per molte famiglie comincia il conto alla rovescia per lo svolgimento dei compiti dellevacanze. Questo è un tema già piuttosto caldo sia appena termina la scuola che dur

bottom of page