top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreDott.ssa Marta Falaguasta

Iperattività: tante teorie, poche certezze.

Come professionista credo che l’iperattività sia una condizione reale la quale si manifesta però in vari gradi proprio come la pressione alta, il colesterolo e l’autismo.

La descrizione del bambino ritenuto iperattivo in genere è la seguente: “…non si ferma mai un minuto, …non si concentra”: nulla di più indefinito! Si conosce ancora molto poco sulle origini e le cause del “disturbo” e ad oggi ancora si ignorano quali debbano essere i suoi confini. Dove va posizionata l’asticella oltre la quale si possono ritenere tali comportamenti patologici?

L’osservazione del comportamento ritenuto “iperattivo” rappresenta una prima utile risorsa per arrivare ad una valutazione obiettiva: scuola e famiglia hanno il compito di monitorare insieme la problematica emergente per un periodo sufficientemente lungo e senza sentire l’urgenza di arrivare necessariamente ad una diagnosi, altrimenti si corre il pericolo di inglobare il bambino in un circuito forzatamente patologico che spesso non lo riguarda affatto e che inoltre andrebbe ad incidere negativamente sulla sua autostima.

Risulta di conseguenza importante stare attenti alle semplificazioni rischiando in tal modo di bollare come iperattivi bambini che, attraverso il loro comportamento irrequieto, stanno invece “denunciando” un disagio, magari solo temporaneo ed occasionale.

Ogni apprendimento nasce attraverso un processo che è insieme affettivo e cognitivo, all’interno del quale, recuperare una buona relazione può aiutare a sbloccare problematiche emozionali.

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Le domande dei bambini e le risposte dei grandi

Perché... perché... perché..? Quante domande ci fanno i nostri bambini quando cominciano a ragionare, curiosare e a vedere tutto quello che accade intorno a loro. Intorno all’età dei tre anni, quando

I compiti per le vacanze.

L’estate volge verso la fine e per molte famiglie comincia il conto alla rovescia per lo svolgimento dei compiti dellevacanze. Questo è un tema già piuttosto caldo sia appena termina la scuola che dur

Comments


bottom of page